it-ITen-US
IL RAFFREDDORE COMUNE

Il raffreddore comune, o rinite virale, è la malattia più diffusa al mondo; ogni anno, un miliardo di persone ha a che fare con i fastidi e i malesseri tipici di questa infezione, che può avere molteplici cause.

Rinite allergica: cosa si rischia se non viene curata

Rinite allergica: cosa si rischia se non viene curata

Occhi gonfi e arrossati, prurito, secrezione nasale e continua lacrimazione: in presenza di questi sintomi è probabile che ci si trovi di fronte a una rinite allergica. Si tratta di un processo infiammatorio a carico del naso che, sebbene non abbia niente a che vedere con i raffreddori stagionali, impedisce di respirare correttamente.

Questo disturbo, che interessa oltre sei milioni di italiani, è scatenato da alcuni allergeni, come, ad esempio, gli acari, i pollini, la polvere, le graminacee o il pelo degli animali, che in alcune persone stimolano una reazione avversa.

Se non viene affrontata tempestivamente e con le giuste terapie, la rinite allergica può dare luogo ad altri numerosi disturbi. In assenza di un trattamento adeguato, infatti, l'infiammazione nasale e paranasale degenera e si cronicizza, aprendo la strada ad asma, sinusite, otite e poliposi nasale.

Per bloccare questa escalation è fondamentale affidarsi a un team multidisciplinare che sappia stimare l'entità del disturbo e prescrivere la cura più appropriata. Generalmente l'otorino si occupa di eseguire una valutazione delle fosse nasali attraverso un procedimento endoscopico e, nel caso lo ritenesse opportuno, può optare per degli spray cortisonici, che sono a basso assorbimento, per migliorare la sintomatologia. Per arrivare a una cura dell’allergia, però, questo specialista deve collaborare a stretto contatto con l’allergologo. Quest’ultimo può consigliare il vaccino - il cui nome corretto è Immunoterapia Allergene Specifica - che insegna al sistema immunitario a risolvere l’allergia con un altissimo livello di controllo e di efficacia.

Il momento più opportuno per fare la vaccinazione, somministrata o per iniezione o per via orale, è da valutare insieme con l'allergologo: se l'allergia ha una stagionalità, come ad esempio quella ai pollini, l'Immunoterapia Allergene Specifica viene pianificata proprio in base a questo criterio temporale (quindi almeno tre mesi prima della stagione pollinica). In tutti gli altri casi (polvere di casa, peli di animali, muffe), invece, il vaccino può essere sempre fatto in qualsiasi momento. 

Theme picker

Il tuo
Fluimucil
Puoi trovare il prodotto Fluimucil adatto a te.
Fattori di rischio
  • Stress
  • Contatto con individui raffreddati
  • Sbalzi termici
  • Ambienti affollati e poco areati (favoriscono l'infezione)
Consigli Utili per il trattamento
Liberare le vie aeree dal muco in eccesso

Riposare per accelerare il recupero

Nota: vi rendiamo attenti sul fatto che state per lasciare il sito www.fluimucil.ch. Zambon Svizzera SA non ha alcuna influenza sui contenuti e sul concetto delle pagine linkate e declina quindi ogni responsabilità.

continua