it-ITen-US
LA FEBBRE

Gli animali a sangue caldo riescono a regolare autonomamente la propria temperatura corporea e a mantenerla entro un certo valore. Nell'uomo questo valore è intorno ai 37°C; quando la temperatura corporea, controllata dall'ipotalamo, aumenta eccessivamente, si parla di febbre.

Come si misura la febbre nel modo corretto?

Come si misura la febbre nel modo corretto?

Fronte calda, sensazione di malessere generale, brividi. Sarà febbre? Per scoprirlo c’è solo un modo: munirsi di termometro e misurare la temperatura.  

Nonostante non siano più in produzione dal 2009 (anno in cui l’Unione europea ne ha imposto il ritiro dal commercio perché in caso di rottura sarebbero potuti risultare pericolosi per le persone e per l’ambiente), i termometri a mercurio si trovano ancora in tante case. Sono molto precisi, ma visto il provvedimento preso dagli esperti meglio lasciarli nel cassetto (o smaltirli in qualche modo) per evitare il rischio di rottura e il contatto con il metallo tossico. 

Come alternativa al termometro a mercurio è stato introdotto il termometro a galinstano, liquido, che contiene una lega di gallio, indio e stagno. Questi metalli si dilatano in base al calore rilevato e vanno a coprire una scala formata da tacche, proprio come nel “vecchio” termometro a mercurio. Secondo una ricerca italiana, il termometro a galinstano è più preciso nel rilevare la febbre nei bambini rispetto al termometro digitale e a quello a mercurio.

Tuttavia, lo strumento digitale oggi è uno dei più diffusi, oltre che uno dei più pratici. La rilevazione è piuttosto affidabile: da posizionare sotto l’ascella, quando ha finito la rilevazione emette un segnale acustico e compare la temperatura sul display. 

I termometri a raggi infrarossi, invece, sono meno diffusi e più costosi. Sono dotati di un sensore che rileva il calore irradiato dal corpo: la misurazione è molto rapida e tra le più igieniche. Il termometro, infatti, non entra in contatto con il corpo e rileva la temperatura per via frontale oppure nel cavo dell’orecchio.

Qual è il momento migliore per misurare la febbre? In genere, il risveglio e il tardo pomeriggio sono gli orari ideali. I momenti in cui invece la temperatura corporea varia con maggiore facilità sono quelli dopo i pasti, a meno di un’ora dall’ultima bevanda calda o da una sigaretta. Il rischio nell’utilizzare il termometro in questi momenti è di avere un risultato non realistico. La temperatura, inoltre, tende ad alzarsi in modo fisiologico anche dopo un’intensa attività fisica o per ragioni psicologiche, ad esempio dopo un forte stress.

I consigli pratici degli esperti sono tre: 

  1. utilizzare sempre lo stesso termometro, 
  2. la stessa via di misurazione,
  3. gli stessi momenti della giornata. 

Solo in questo modo saremo in grado di capire se la febbre sta peggiorando o migliorando. 

Theme picker

Il tuo
Fluimucil
Puoi trovare il prodotto Fluimucil adatto a te.
Fattori di rischio
  • Infezioni virali o batteriche
  • Stress
  • Difese immunitarie ridotte
Consigli Utili per il trattamento
Abbassare la temperatura corporea

Mantenere l'organismo sufficientemente idratato

Nota: vi rendiamo attenti sul fatto che state per lasciare il sito www.fluimucil.ch. Zambon Svizzera SA non ha alcuna influenza sui contenuti e sul concetto delle pagine linkate e declina quindi ogni responsabilità.

continua